La Roma sotterranea che non ti aspetti

0
0
0 visits

Cosa si nasconde sotto Roma? Puoi immaginare i misteri che celano le fondamenta sotterranee della più grande metropoli e capitale del suo tempo?

Migliaia di tunnel, fondamenta, cloache, cripte sotterranee, edifici, griotte, addirittura un fiume sotterraneo… ancora oggi, la Roma moderna è una città all’oscuro dei suoi sotterranei: una vera e propria seconda città sottoterra!

L'antica Roma fu costruita attorno a sette colline e molti edifici sono costruiti sulle rovine dei loro predecessori romani. È nelle valli tra queste colline che la vita nell'antica Roma è avvenuta: le strade che collegavano i mercati e i fori con le zone residenziali, le strade che vedevano le parate della vittoria conquistando generali e solenni processioni funebri… oggi sono sepolte sotto una media di 20 metri di detriti.

Sotto quei detriti si trova l'antica Roma, molte delle sue strade ancora intatte, i suoi edifici storici pieni di terra che forniscono il supporto dei nuovi edifici che ora si trovano sopra di loro.

IL TEMPO NON ESISTE SOTTO ROMA


Visitando la famosa Basilica di San Clemente, possiamo tornare indietro di secoli: passando dalla basilica del XII secolo, a livello del suolo, fino alla chiesa del IV secolo e poi al tempio pagano del II secolo, dove troverete una grotta artificiale decorata con piccoli frammenti di pietra pomice. Ancora più sotto ci sono le fondazioni residenziali risalenti alla Repubblica e il suono rilassante di un fiume sotterraneo.

Questa è una zona di Roma molto interessante dal punto di vista archeologico ed oggi è oggetto di molto turismo. Probabilmente per questi motivi ultimamente è una delle aree pià gettonate su hotels.com per un albergo in centro a Roma: qui siamo vicini a tutti gli edifici più importanti, ed inoltre ci possiamo muovere egregiamente per la città.

Da questa zona ci avventuriamo verso le Catacombe di Domitilla, tra le più antiche della città e una delle poche ancora contenenti ossa. Sempre passando dai sotterranei e da innumerevoli tunnel troverete la Cripta dei frati cappuccini, nota anche come "La chiesa delle ossa".


Qui, i resti scheletrici di 3.700 frati sono disposti in una sorta di macabra arte ed è un posto dove riflettere sulle grandi domande della vita: "Quello che sei, siamo stati una volta", recita un cartello. "Quello che siamo, un giorno lo sarai."

Ricordiamo che Roma è arroccata su un vastissimo sito archeologico. La città moderna si trova in cima ai detriti delle sue città precedenti, risalendo nel tempo a circa tre millenni: come ogni città ha preso forma, le strutture esistenti sono state crollate o riempite con la terra per formare le fondamenta degli edifici del prossimo stadio dell'evoluzione della città.


Da Trastevere alle rovine della stazione Termini e dai giardini di Villa Borghese alla collina dell'Esquilino: la Roma imperiale dorme nascosta, ma mai lontana dalla superficie. Anche sotto la chiesa di San Nicola in Carcere, una chiesa costruita sopra un tempio romano vicino alle antiche strutture portuali sul Tevere.

30 Aug, 2018
Ratings
(0 votes)
Your rating
Collected
libellula
libellula